Primo piano

Ancora roghi a Pomezia

Un altro incendio , ancora fiamme che distruggono merci, imballaggi, automezzi e documenti cartacei a Pomezia. E’ accaduto di nuovo ieri notte, con l’azienda chiusa per la festività, presso il deposito della ditta di autolinee ...

Leggi tutto...

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Sportello donna PDF Stampa E-mail

Sportello donna è un luogo a disposizione delle donne lavoratrici pensionate o disoccupate per offrire informazioni, consulenze, consigli su:

  • Diritto alla maternità ed alla paternità consapevole
  • Diritti della persona (violenze, molestie)
  • Diritto alle pari opportunità
  • Diritti ai servizi (mappa dei servizi, problemi di accesso alle prestazioni)



Sportello donna intende fornire alle delegate, alle strutture sindacali di base, alle lavoratrici, a chi sta lavorando in modo precario o irregolare un supporto; relativamente all’applicazione della normativa contrattuale che attiene alla condizione femminile: accesso al lavoro, discriminazioni, azioni positive, maternità, congedi parentali, orario di lavoro, salute e sicurezza, molestie sessuali, formazione, imprenditoria femminile. Lo sportello si pone l’obiettivo di affermare il valore del lavoro delle donne, il rispetto e l’estensione dei loro diritti, sostenendole nella individuazione delle soluzioni più adatte rispetto alla specificità del doppio ruolo nel mondo del lavoro e nella famiglia. Lo sportello intende creare una rete di relazioni con le associazioni di donne, del volontariato o gruppi operanti nei quartieri e nei comuni del territorio della Cgil.

Documenti e leggi

 

  • Legge della regione Lazio n. 10/2002
  • L.R. 24 Dicembre 2003, n. 42
  • Disegno di Legge sulla procreazione assistita N. 1514
  • DECRETO LEGISLATIVO 31 luglio 2003, n.226 - Trasformazione della Commissione nazionale per la parità in Commissione per le pari opportunità tra uomo e donna
  • Legge 216 2003 - Disposizioni contro la discriminazione
  • Assegno maternità
  • Prestazioni di maternità - per alcune categorie di lavoratori autonomi
  • Legge 8 marzo 2000 n. 53 - Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità
  • Decreto Legislativo 23 aprile 2003, n. 115 - Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e di sostegno della maternità e della paternità
  • Legge n. 1204 del 30.12.1971 - Tutela delle lavoratrici madri
  • Gravidanza - La lavoratrice incinta non è obbligata a dirlo al datore di lavoro
  • Legge n. 7 del 09.01.1963 - Divieto di licenziamento per causa di matrimonio
  • Legge n. 903 del 09.12.1977 e successive pronunce della C.C. - Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro
  • Legge n. 66 del 15.02.1996 - Norme contro la violenza sessuale
  • La lavoratrice che abbia subito una discriminazione per sesso ha diritto di ottenere la condanna dell'azienda...
  • Legge n. 125 del 10.04.1991 - Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro
  • COLF occupate con lavoro temporaneo - INPS CIRC. N° 89 DEL 09/05/2002
  • MICRO ASILI E NIDI NEI LUOGHI DI LAVORO - Definibili delle spese di gestione
  • Assegni di mantenimento per le donne separate - Non può essere ridotto se si inizia una convivenza
  • Straordinari anche alla tata - Sentenza n° 13622/2001
  • Legge 194 del 22 maggio 1978 - Norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione della gravidanza