Primo piano

Ancora roghi a Pomezia

Un altro incendio , ancora fiamme che distruggono merci, imballaggi, automezzi e documenti cartacei a Pomezia. E’ accaduto di nuovo ieri notte, con l’azienda chiusa per la festività, presso il deposito della ditta di autolinee ...

Leggi tutto...

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Festa del Tesseramento Lega SPI CGIL Frscati-Ciampino PDF Stampa E-mail

“Gli anziani ed i giovani insieme per il futuro del lavoro, tradizione e innovazione” questo il titolo ed il tema della Festa del Tesseramento della Lega SPI CGIL Frascati-Ciampino che si è tenuta lunedì 10 novembre a Frascati, presso Villa Tuscolana. Un giorno di riflessione e celebrazione per  gli iscritti e le iscritte (6.500 in questa importante Lega) “a cui è dedicato ogni giorno il nostro lavoro – esordisce Rosa Carbone, Segretaria Generale SPI Roma Sud-Pomezia-Castelli, che ha presieduto i lavori – Ogni anno le Feste del Tesseramento sono caratterizzate da un tema politico forte, oggi a Frascati parliamo della Casa dei Mestieri, un progetto partito tempo fa e che prevede la realizzazione di un luogo dove si tramandino conoscenze e tradizioni, dove si incontrino gli anziani ed i giovani, che avranno la possibilità di imparare un mestiere, nell’ottica dell’utilizzo dei nuovi materiali e delle nuove tecnologie”.

 

 

Nel dettaglio del progetto entra Clementina Calvani, Segretaria Generale della Lega di Frascati-Ciampino, che spiega come esso sia nato dalla forte volontà dello SPI di “mantenere per i nostri figli e nipoti i diritti conquistati con grandi lotte” e per affrontare il dramma della disoccupazione, soprattutto giovanile. Sindacato, amministrazione comunale, imprenditori e professionisti hanno convenuto di creare a Frascati un luogo fisico nel quale si potessero incontrare soggetti diversi ed in cui istituire una scuola di arte e mestieri a disposizione della comunità.
Il progetto ha avuto il pieno appoggio dell’amministrazione comunale, rappresentata dal Sindaco Spalletta che vede nella Casa dei Mestieri “un segno tangibile per dire ai giovani che c’è futuro in Italia e si può vivere di lavoro”. A rappresentare le istituzioni anche Gianluigi Peduto, Presidente Consiglio Comunale di Frascati (fra i primi sostenitori del progetto) il sindaco di Ciampino, Giovanni Terzulli, ed il Senatore Bruno Astorre che ha garantito il suo impegno a sostegno dell’iniziativa.

L’importanza di lanciare idee e trovare risorse per costruire opportunità sociali e lavorative è stata sottolineata da Silvia Ioli, Segretaria Generale della CdLT Roma Sud-Pomezia-Castelli: “E’ importante trasferire saperi, mantenere vivi gli antichi mestieri  e non perdere le alte professionalità che abbiamo nel nostro Paese e nel nostro territorio”.

“Abbiamo al centro della nostra attenzione i giovani ed il loro futuro”, ha detto nel suo intervento la Segretaria Generale dello SPI Roma e Lazio, Teti Croci, che ha posto l’attenzione anche sull’importanza del tesseramento e sul tema della rappresentanza. Argomento ripreso dal Segretario Generale della CGIL di Roma e Lazio, Claudio Di Berardino: “Il tema della rappresentanza riguarda la democrazia nella sua interezza, c’è bisogno che le diverse rappresentanze vengano ascoltate e prese in considerazione. Vogliamo essere un sindacato generale ma non generalista, che sappia intervenire su vari temi e si basi sul rapporto con gli iscritti, con i servizi, sulla contrattazione sociale e territoriale, sull’azione sindacale nel suo complesso”.

Dopo gli interventi degli esperti che stanno lavorando alla Casa dei Mestieri, come l’architetto Elena Accarino, Rosa Carbone ha dato la parola per le conclusioni ad un’ospite di eccellenza, Carla Cantone, Segretaria Generale dello SPI Nazionale, accolta dal caloroso applauso della platea a cui ha risposto: “Ringrazio tutti i pensionati e le pensionate che sono qui, abbiamo bisogno di parlare e confrontarci con voi per indirizzare al meglio la nostra azione. Lo SPI insieme alla CGIL continua a sostenere che ci sono tre emergenze, tre punti centrali: il LAVORO, abbiamo bisogno di politiche industriali e di sviluppo, investimenti e progetti per il lavoro; la GIUSTIZIA SOCIALE, per cui servono politiche sociali che garantiscano a tutti lo stesso trattamento, soprattutto sulla sanità e l’assistenza; UGUAGLIANZA che significa più democrazia e più libertà, ma anche redistribuzione della ricchezza”. Ed infine un invito al premier Renzi: “Venga ad ascoltarci,  ascolti il sindacato, forse riuscirebbe a governare meglio. L’Italia è un Paese straordinario, vogliamo tenerlo unito!”.

A concludere la giornata, dopo il dibattito, la riflessione, la pianificazione degli obiettivi, è arrivata la festa. Il tutto allietato dalla musica del maestro Piero Giovanetti al pianoforte e del tenore Corrado Amici. Perché lo SPI è anche questo, una casa dove stare insieme, creare legami, fare sindacato.

 

11-11-2014