Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Inaugurata sede SPI CGIL a via Marchisio con Carla Cantone PDF Stampa E-mail

Con un’iniziativa bella e partecipata lo SPI CGIL Roma Sud-Pomezia-Castelli ha inaugurato a Roma, alla presenza di Carla Cantone, la nuova sede di via Marchisio 259. Il pomeriggio è stato aperto dalla banda, che  ha creato subito un clima festoso, incuriosendo i passanti e gli abitanti del quartiere. A prendere per prima la parola e a fare gli onori di casa Rosa Carbone, Segretaria generale dello SPI del Comprensorio, che ha fortemente voluto e si è impegnata a fondo per l’apertura di questa sede: “In un quartiere così grande e popoloso mancava una sede della CGIL, e questo non lo potevamo permettere. In un momento di crisi e difficoltà ci siamo impegnati per acquistare questi locali per poter essere presenti e vicini ai pensionati e ai lavoratori”. Un risultato importante frutto del lavoro delle Leghe SPI, che Rosa Carbone ha ringraziato per l’enorme attività che compiono sul territorio con una menzione speciale alla X Lega che si occuperà della sede di via Marchisio. “Un grazie di cuore anche allo SPI nazionale, che ci ha sostenuto nell’acquisto della sede, allo SPI Regionale, alla CGIL Roma e Lazio e alla nostra Camera del Lavoro”, ha concluso Rosa Carbone prima di passare la parola al segretario della X Lega che ha consegnato la tessera a Carla Cantone. Infatti la Segretaria generale dello SPI abita poco distante e fa proprio parte della Lega Tuscolana.

 

“Ora avrò un motivo in più per passare di qui, perché ci sarà una sede dello SPI CGIL – ha esordito Carla Cantone che è sempre presente alle iniziative territoriali dello SPI, accanto ai pensionati e alla gente – Da oggi ci sarà sempre qualcuno dello SPI che potrà dare risposte ed aiutare i pensionati e i cittadini della zona. Momenti di incontro come questo sono importanti, perché ci scambiamo emozioni ed esperienze. Siete voi militanti che rendete la Cgil una cosa meravigliosa. Abbiamo bisogno che voi, i vostri amici, i conoscenti, i figli frequentino il sindacato. Portate allo SPI anche i giovani! Noi siamo la categoria che ha più contatti con le nuove generazioni che cercano la nostra saggezza, la nostra disponibilità”.

A festeggiare l’inaugurazione anche Teti Croci, Segretaria SPI Roma e Lazio, che ha preso l'impegno di sostenere il Comprensorio per l'acquisto di una nuova sede a Ciampino.

Grande soddisfazione è stata espressa da Giuseppe Cappucci, Segretario generale CdLT Roma Sud-Pomezia-Castelli, che ha sottolineato l’importanza di investire per lasciare qualcosa di concreto e di essere presenti sul territorio in questo momento importante per il rinnovo dell’amministrazione dei Municipi e del Comune di Roma.

Il Segretario della CGIL regionale, Claudio Di Berardino, a sua volta ha rimarcato la centralità delle sedi, “simbolo d’identità e presenza sui territori, per continuare la missione del sindacato di mettere insieme le persone e offrire loro una prospettiva”.

La sede di via Marchisio già da domani sarà operativa, con la presenza di CAAF, INCA, SUNIA e FEDERCONSUMATORI.

Questa inaugurazione ha un forte valore simbolico, ci dice che la CGIl c’è ed è forte. Ma l’apertura di una nuova sede ha sempre e soprattutto un valore pratico, significa essere più vicini alle persone, poter offrire sempre migliori e più servizi ai pensionati, ai lavoratori, ai cittadini. Significa creare una casa comune, un luogo di incontro e confronto fondamentale in un momento in cui si vive una forte impoverimento sociale nel Paese e la mancanza di occasioni di aggregazione.

 

23-05-2013