Primo piano

Ancora roghi a Pomezia

Un altro incendio , ancora fiamme che distruggono merci, imballaggi, automezzi e documenti cartacei a Pomezia. E’ accaduto di nuovo ieri notte, con l’azienda chiusa per la festività, presso il deposito della ditta di autolinee ...

Leggi tutto...

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Presidio Nettuno, gioved' 23 luglio PDF Stampa E-mail

I sindacati confederali CGIL-CISL-UIL, unitamente alle federazioni dei Pensionati e della Funzione Pubblica, hanno organizzato per GIOVEDI 23 LUGLIO 2015, a partire dalle ore 10, presso la Piazza Caduti di Nassirya di Nettuno, un presidio al fine di evidenziare di fronte all’opinione pubblica la grave situazione dell’assistenza domiciliare nel nostro territorio.

Di fronte al silenzio inspiegabile delle istituzioni di Nettuno ed Anzio e dei loro rappresentanti nei confronti delle richieste di incontro che sono state avanzate nel corso dei mesi scorsi e, non ultimo, riguardo l’invito rivolto allo stesso Commissario Prefettizio del Comune di Nettuno, comune capofila del Distretto Socio-sanitario H6, per una urgente riunione vista l’ormai imminente scadenza del servizio di assistenza domiciliare, le Organizzazioni Sindacali vogliono denunciare ai cittadini l’estremo disagio che verrebbe arrecato agli utenti e alle loro famiglie per la possibile interruzione di tale servizio.

 

 

Già da tempo, infatti, i Sindacati unitariamente hanno più volte richiamato l’attenzione delle istituzioni e della politica locale sulla pesante situazione in cui versano, in generale, le politiche di integrazione sociale e sanitaria sul nostro territorio.

 

Il drastico ridimensionamento subito dal servizio due anni fa con la riduzione delle ore di assistenza - causata principalmente dalla decisione dei due Comuni di eliminare il contributo che veniva versato ad integrazione del finanziamento regionale - aveva già determinato un aumento delle liste d’attesa di cittadini e pensionati bisognosi di tale servizio, riconosciuto altresì come livello essenziale da garantire.

Gli operatori del servizio, le famiglie degli utenti e tutti i cittadini sono invitati a partecipare al presidio. Ove tale iniziativa non fosse recepita dai rappresentanti istituzionali, CGIL-CISL-UIL si riservano di assumere ulteriori iniziative anche di carattere regionale.

 

 

LA SEGRETARIA GENERALE CGIL ROMA SUD-POMEZIA-CASTELLI

-          Silvia IOLI     -

 

IL REGGENTE CISL LATINA – ANZIO – NETTUNO

-          Tommaso AUSILI    -

 

IL RESPONSABILE UIL ANZIO-NETTUNO

-          Gianmatteo PIERSANTI    -