Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

19 novembre presidio sotto direzione ASL di Albano PDF Stampa E-mail

IL GIORNO 19 NOVEMBRE, SOTTO LA SEDE DELLA DIREZIONE ASL DI ALBANO LAZIALE- BORGO GARIBALDI, SI TERRA’ UN PRESIDIO DELLE OO.SS. FILCAMS CGIL –FISASCAT CISL E UILTRASPORTI UIL UNITAMENTE ALLE LAVORATRICI ED AI LAVORATORI OPERANTI IN QUALITA’ DI PULITORI NEGLI OSPEDALI DELLA PROVINCIA PER SOLLECITARE UN INTERVENTO DA PARTE DELLA ASL PER AVERE RISPOSTE SULLA RICHIESTA DI INTERVENTO A SEGUITO DEL CAMBIO APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA LOCALI E LAVAGGIO STOVIGLIE, AVVENUTO IN DATA 30/09/2014 E CHE HA PRODOTTO IL LICENZIAMENTO DI 10 LAVORATRICI .

MANCATA ASSUNZIONE DA PARTE DELLA DITTA “ENTRANTE” E MANCATA RICOLLOCAZIONE DA PARTE DI QUELLA “USCENTE” SI SONO TRADOTTE QUINDI IN PERDITA DI POSTO DI LAVORO DI 10 DIPENDENTI CHE DA OLTRE 10 ANNI ERANO IMPIEGATE NELL’APPALTO. NONOSTANTE LA NORMATIVA CONTRATTUALE VIGENTE LE AZIENDE INTERESSATE NON HANNO INTESO DARE SEGUITO ALL’APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLATI PREVISTI IN TERMINI DI PASSAGGIO DI PERSONALE IMPIEGATO NEGLI APPALTI E L’ANOMALIA CHE POI, DI FATTO, HA CONTRIBUITO A CREARE ULTERIORE CONFUSIONE TRA DETTE AZIENDE E’ DI FATTO RICONDUCIBILE AD UNA GESTIONE POCO CHIARA DELLA GARA AVVENUTA NEL 2012 A SEGUITO DELLA QUALE, IN REALTA’, NON C’E’ MAI STATA AGGIUDICAZIONE EFFETTIVA ALLA DITTA VINCITRICE, MA SI E’ PROVVEDUTO INVECE AD AFFIDARE TALE SERVIZIO AD ALTRA AZIENDA, TRA L’ALTRO GIA’ PRESENTE ED OPERANTE NEL SETTORE DELLE PULIZIE DEGLI OSPEDALI.

LA SOMMA DI TUTTE QUESTE COSE E’ CHE CI SONO 10 LAVORATRICI LICENZIATE, ED UN COSTO DUPLICE A CARICO DEI CITTADINI PER UN SERVIZIO AGGIUDICATO E MAI EFFETTUATO DALL’AZIENDA TITOLARE DEL SERVIZIO, E POI PAGATO DI NUOVO AD UNA AZIENDA A CUI E’ STATO CHIESTO DI FARE QUEL SERVIZIO. IL 19 SAREMO QUINDI SOTTO LA DIREZIONE DELLA ASL, CON LA QUALE ABBIAMO AVUTO UNA RIUNIONE IN DATA 9 OTTOBRE E CHE NELLA PERSONA DEL DIRETTORE GENERALE CI AVEVA RASSICURATO SU UN INTERVENTO FATTIVO PER RISOLVERE LA SITUAZIONE, FARE CHIAREZZA SULLE MODALITA’ DI AFFIDAMENTO DI QUELLA GARA PUBBLICA E SENSIBILIZZARE LE AZIENDE ALLA RIOCCUPAZIONE DEL PERSONALE LICENZIATO. AD OGGI NULLA DI TUTTO QUESTO CI RISULTA SIA STATO FATTO. RITENIAMO DOVEROSO DA PARTE DEL COMMITTENTE E QUINDI DELLA DIREZIONE DELLA ASL RMH UNA PRESA DI POSIZIONE CHIARA RISPETTO A QUESTA VICENDA E CI ASPETTIAMO DELLE RISPOSTE RISPETTO AGLI IMPEGNI ASSUNTI.

 

FILCAMS CGIL ROMA SUD POMEZIA CASTELLI

LA SEGRETARIA GENERALE FRANCESCA GENTILI