Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Grande adesione dello SPI Comprensoriale alla manifestazione del 25 ottobre PDF Stampa E-mail

I pensionati vivono ogni giorno il dramma della disoccupazione, della precarietà del lavoro dei loro figli e nipoti, sostengono con le loro sempre più residuali pensioni  i famigliari che vivono momenti di difficoltà economiche. La crisi riduce quindi il loro sostegno economico derivante dalla pensione che si sono guadagnati con anni di lavoro. Il Governo aveva promesso di destinare gli 80 euro anche ai pensionati, una delle tante promesse non mantenute.

 

 

Rosa Carbone, Segretaria Generale SPI Roma Sud-Pomezia-Castelli, che parteciperà  insieme agli 800 pensionati che partiranno dal Comprensorio, dichiara:  “I pensionati sono al fianco della CGIL affinché si realizzino le condizioni per discutere in maniera approfondita col Governo per costruire (e non spianare) proposte che possano dare risposte ai tanti giovani che vivono il dramma della disoccupazione e della precarizzazione. Siamo convinti che in un Paese democratico non si debbano creare nei confronti dei lavoratori condizioni che tolgano loro diritti e che li riportino indietro nel tempo, quando non c’era lo Statuto dei Lavoratori e si viveva nelle aziende un clima di paura e di sottomissione. 
A fianco della CGIL, dei diritti, della Costituzione, dei giovani che devono essere liberati dal bisogno, perché si è veramente liberi quando si ha la sicurezza di un lavoro retribuito e la possibilità di guardare al proprio futuro con speranza. 
Noi saremo con loro e per loro continueremo a lottare.”

 

23-10-2015