Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Cappucci: “Disuguaglianze grilline. Nelle scuole di Pomezia il dolce solo ai bimbi che possono permetterselo” PDF Stampa E-mail

Il sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, ci lascia ancora senza parole prendendosela questa volta con i bambini, proprio coloro che più di tutti andrebbero tutelati e coccolati.

La giunta grillina ha infatti deciso che dal prossimo anno saranno istituiti due menu nelle mense delle scuole materne: uno più economico ed uno più costoso che avrà anche il dolce. Una misura, oltre che ridicola, a dir poco discriminatoria che genera divisioni e differenze fra i bambini in base alla condizione economiche delle famiglie. Forse l’intervento del sindaco intende avere una finalità pedagogica, insegnare fin dalla più tenera età la disuguaglianza fra ricchi e poveri, fra chi può permettersi un dolce e chi no. Come CGIL pensiamo invece che ai bambini dovrebbe essere offerto un ambiente in cui sentirsi accolti, non sottoposti ad inutili differenziazioni che ledono la dignità delle famiglie e la serenità dei bambini. Un provvedimento del genere non era venuto in mente neanche ai sindaci leghisti più fantasiosi che, proprio come Fucci, erano intervenuti su mense scolastiche e buoni pasto. Nella scuola pubblica vanno assicurati servizi di qualità ed uguali per tutti, è necessario aiutare piuttosto che discriminare le famiglie in difficoltà e garantire a tutti i bambini l’ambiente migliore per la loro educazione.

 

21-05-2014