Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Velletri, Patto per equità e giustizia sociale.SPI:“Importante lavoro di concertazione”.CGIL:“Un accordo per ridurre le disuguaglianze” PDF Stampa E-mail

Mercoledì 15 gennaio è stato siglato il “Patto per l’equità e la giustizia sociale” fra il Comune di Velletri ed i sindacati, CGIL e SPI, CISL, UIL.  Al tavolo dei firmatari Marilena Ciarcia, Assessore al Bilancio, Fioralba Giordani, Segreteria CGIL Roma Sud-Pomezia-Castelli, Gianni Roncaccia, Segreteria SPI CGIL Comprensoriale, Francesco Bene, Segretario Lega SPI Velletri, Frabrizio Franceschilli, UIL territoriale, Gianpaolo Pavoni, CISL Territoriale.

 

L’accordo è frutto di un lungo lavoro e dell’impegno dei sindacati su tutto il territorio. Velletri è stato il primo Comune della provincia di Roma, ricorda l’Assessore Ciarcia, ad accogliere l’invito di CGIL, CISL, UIL “per un percorso che vede la collaborazione del Comune con l’Agenzia delle Entrate per la lotta all’evasione fiscale e l’impegno delle risorse recuperate  in prevalenza nel welfare e nei servizi”. Un’azione che mette al centro il rispetto della cosa pubblica, come affermato anche dal Sindaco Fausto Servadio, che ha portato i suoi saluti in conferenza stampa.

Fioralba Giordani ha posto l’attenzione su “ l’aspetto valoriale dell’accordo: la riduzione delle disuguaglianze sociali, accentuate ancor più dalla crisi,  un patto di cittadinanza fra Stato e cittadini, in cui ognuno contribuisce per quello che può”.

A nome dello SPI Comprensoriale e della Lega di Velletri è intervenuto Francesco Bene che ha sottolineato l’importanza del lavoro di concertazione svolto: “questo è un patto di civiltà con il quale si ristabilisce il senso di comunità, di un convivere civile. Io rappresento i pensionati e penso a quanto si può fare per i settori più fragili della cittadinanza grazie alle risorse da destinare al Welfare ed ai servizi”.

Il patto è stato firmato davanti alla stampa, segnando così l’inizio di un percorso di collaborazione ed impegno comune per una maggiore equità e giustizia sociale.

 

16-01-2014