Primo piano

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile" - 13 febbraio Hotel Enea

Martedì 13 febbraio la Cgil di Roma Sud Pomezia Castelli promuove a Pomezia un convegno dal titolo" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile", ore 9,30 presso l’Hotel Enea, via del Mare ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Velletri, Patto per equità e giustizia sociale.SPI:“Importante lavoro di concertazione”.CGIL:“Un accordo per ridurre le disuguaglianze” PDF Stampa E-mail

Mercoledì 15 gennaio è stato siglato il “Patto per l’equità e la giustizia sociale” fra il Comune di Velletri ed i sindacati, CGIL e SPI, CISL, UIL.  Al tavolo dei firmatari Marilena Ciarcia, Assessore al Bilancio, Fioralba Giordani, Segreteria CGIL Roma Sud-Pomezia-Castelli, Gianni Roncaccia, Segreteria SPI CGIL Comprensoriale, Francesco Bene, Segretario Lega SPI Velletri, Frabrizio Franceschilli, UIL territoriale, Gianpaolo Pavoni, CISL Territoriale.

 

L’accordo è frutto di un lungo lavoro e dell’impegno dei sindacati su tutto il territorio. Velletri è stato il primo Comune della provincia di Roma, ricorda l’Assessore Ciarcia, ad accogliere l’invito di CGIL, CISL, UIL “per un percorso che vede la collaborazione del Comune con l’Agenzia delle Entrate per la lotta all’evasione fiscale e l’impegno delle risorse recuperate  in prevalenza nel welfare e nei servizi”. Un’azione che mette al centro il rispetto della cosa pubblica, come affermato anche dal Sindaco Fausto Servadio, che ha portato i suoi saluti in conferenza stampa.

Fioralba Giordani ha posto l’attenzione su “ l’aspetto valoriale dell’accordo: la riduzione delle disuguaglianze sociali, accentuate ancor più dalla crisi,  un patto di cittadinanza fra Stato e cittadini, in cui ognuno contribuisce per quello che può”.

A nome dello SPI Comprensoriale e della Lega di Velletri è intervenuto Francesco Bene che ha sottolineato l’importanza del lavoro di concertazione svolto: “questo è un patto di civiltà con il quale si ristabilisce il senso di comunità, di un convivere civile. Io rappresento i pensionati e penso a quanto si può fare per i settori più fragili della cittadinanza grazie alle risorse da destinare al Welfare ed ai servizi”.

Il patto è stato firmato davanti alla stampa, segnando così l’inizio di un percorso di collaborazione ed impegno comune per una maggiore equità e giustizia sociale.

 

16-01-2014