Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Ieri manifestazione lavoratori degli appalti delle pulizie delle scuole. In 24mila rischiano il posto PDF Stampa E-mail

Hanno scioperato e manifestato davanti al MIUR le lavoratrici ed i lavoratori degli appalti delle pulizie delle scuole a sostegno della vertenza attivata dalle organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti Uil.

I sindacati chiedono la continuità occupazionale e la tenuta del reddito degli oltre 24mila lavoratori e lavoratrici occupati negli appalti di pulizia e ausiliari presso 4mila scuole di ogni ordine e grado, per i quali sono ancora aperte le procedure di licenziamento collettivo.  Al termine del presidio davanti al Ministero, durato fino a tarda sera, i lavoratori hanno ottenuto dal Ministro Carrozza l’impegno per la ricerca di una soluzione. I sindacati chiedono un tavolo di confronto che veda impegnata direttamente la Presidenza del Consiglio, perché “la situazione è grave, sia in termini di ripercussioni sociali per migliaia di lavoratrici e lavoratori, stabilizzati già dalla fine degli anni '90, sia per la salubrità e la sicurezza degli alunni e di chi opera negli ambienti scolastici, tanto che anche i Segretari Generali di Cgil, Cisl e Uil sono intervenuti, richiedendo un incontro urgente alla Presidenza del Consiglio per far comprendere la serietà che la vertenza riveste.

 

 

 

13-12-2013