Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Cecconi, arrivata sentenza dichiarativa di fallimento PDF Stampa E-mail

Dopo la Pork House un altro importante stabilimento di salumi è fallito nel territorio Pomezia Castelli Romani!

Infatti, per lo storico Salumificio Cecconi di Ardea è arrivata la sentenza dichiarativa di fallimento da parte del Tribunale di Velletri! (sentenza n. 61 del 15/10/2013).

A comunicarlo è il Segretario Generale della Flai Cgil Roma Sud Pomezia Castelli, Moranti Gianfranco .

 

 

“Purtroppo - rende noto il Sindacalista - il passaggio delle attività nel luglio 2011 dagli eredi Cecconi alla Famiglia Scarfoglio è stato un vero e proprio disastro!

Le attività per conto di Scarfoglio sono andate avanti meno di un anno ed i dipendenti solamente a ottobre 2012, dopo scioperi e presidi davanti lo stabilimento, avevano ottenuto un anno di Cassa Integrazione, scaduta però il 30 settembre scorso.

Da quel giorno i dipendenti, se pure in forza alla Cecconi Industria Spa, sono privi di sostentamento economico, mentre l ‘azienda è diventato un cumulo di calcinacci e macerie in seguito all’incendio e al continuo smantellamento delle strutture (macchinari, tubazioni e quant’altro) da parte degli ultimi amministratori societari.

“Adesso – continua Moranti  - speriamo che l’apposizione dei sigilli bloccherà  il depauperamento dello stabilimento. Occorre rammentare che i 40 dipendenti rivendicano le retribuzioni ed il T.F.R., che ammontano a circa 1 milione di euro.

Crediti che andranno presentati entro il 30 dicembre 2013, prima dell’adunanza per l’esame dello stato passivo fissata per il giorno 30 gennaio 2013.

Ora, conclude il Sindacalista, chiederemo un incontro al Curatore Fallimentare  nominato dal Tribunale, soprattutto per programmare un piano sociale per tutti i dipendenti affinché nel frattempo  almeno possano usufruire di ammortizzatori sociali, considerati “ultima spiaggia” visto che all’interno della Cecconi Industria Spa sarà molto difficile tornare a lavorare e produrre insaccati!

Un vero colpo per l’industria Laziale della lavorazione delle carni!!!

 

Segretario Generale Flai Cgil

(Moranti Gianfranco)

 

23-10-2013