Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Alablonga. Raggiunto l’accordo. Frezza (FP): “grande punto a favore delle politiche di concertazione “ PDF Stampa E-mail

Mercoledì sera, un’affollata assemblea di lavoratrici e lavoratori dell’Albalonga spa, società in house del Comune di Albano, ha approvato all’unanimità un accordo quadro fondamentale per il prosieguo delle attività dell’azienda e dei servizi ad essa collegati.

 

 

L’accordo è stato il frutto di un lungo confronto con l’Amministrazione Comunale e l’azienda, da tempo in liquidazione. “Un simile accordo – dichiara Marco Frezza della segreteria FP CGIL –è un grande punto a favore delle politiche di concertazione. Albalonga ha accumulato negli anni passati un passivo difficile da gestire, e la strada più semplice poteva essere quella di privatizzare tutti i servizi gestiti dell’azienda, dai nidi comunali all’assistenza domiciliare, dalle farmacie ai parcheggi. Abbiamo scelto, insieme con il liquidatore e l’Amministrazione Comunale, la strada più difficile: scommettere su un rilancio dell’azienda e garantire stabilità del posto di lavoro per tutti i dipendenti, senza mai dimenticare che l’Albalonga spa è una società in liquidazione, con un concordato preventivo depositato presso il Tribunale di Velletri.

L’accordo prevede certo sacrifici per i lavoratori: alcuni avranno diminuzioni di ore e/o riduzioni di

superminimi, una piccola parte passerà alle dipendenze di una società che risulterà vincitrice della gara per le pulizie degli stabili comunali, alcune retribuzioni arretrate saranno erogate appena la situazione economica lo permetterà. Ma per tutti abbiamo garantito il mantenimento del posto di lavoro e una stabilità per i prossimi anni. Un accordo voluto a livello unitario, gestito da più categorie con il pieno coinvolgimento dei rappresentanti sindacali interni, spiegando a tutti i lavoratori il senso del progetto, e dando ascolto alle situazioni particolari.

L’Amministrazione Comunale ha dimostrato in questo una sensibilità che gli fa onore, dando risposte importanti sia nel campo delle risorse economiche da mettere a disposizione, che tecniche, attraverso la creazione dell’ASP Albaservizi, che dovrà gestire i servizi socio – assistenziali educativi.

In particolare mi sento di ringraziare il Sindaco Marini, che ha voluto gestire la trattativa sempre in prima persona, ricercando il confronto con le OO.SS. in maniera costruttiva e nel pieno rispetto dei ruoli che ognuno era chiamato a svolgere.

Adesso – conclude il sindacalista - aspettiamo i passaggi formali del Bilancio Comunale per dare pieno avvio a questa sfida, che deve diventare un esempio, soprattutto per quei Comuni che invece pensano di risolvere i drammatici problemi dei bilanci e dei livelli occupazionali delle loro società in house giocando su più tavoli, oppure ignorando il ruolo delle Organizzazioni sindacali”.

 

12-09-2013