Primo piano

Ancora roghi a Pomezia

Un altro incendio , ancora fiamme che distruggono merci, imballaggi, automezzi e documenti cartacei a Pomezia. E’ accaduto di nuovo ieri notte, con l’azienda chiusa per la festività, presso il deposito della ditta di autolinee ...

Leggi tutto...

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Partono le iniziative della CdLT all’interno di PIAZZA BELLA PIAZZA PDF Stampa E-mail

E’ iniziata ieri l’ormai tradizionale “Piazza bella piazza”, la festa della CGIL di Roma e Lazio che quest’anno coinvolge ancora di più le Camere del Lavoro e si articola sull’intera Regione. La CdLT Roma Sud-Pomezia-Castelli ha aperto la fitta serie di iniziative con volantinaggi organizzati dalle categorie sui territori e con l’incontro pubblico  tenutosi a Colleferro “OCCUPAZIONE, SVILUPPO SOSTENIBILE E RISANAMENTO AMBIENTALE”.

 

“Ripartire dal lavoro nella zona di Colleferro, Valle del Sacco e Monti Lepini significa tenere presente come il territorio abbia subito una politica industriale che non ha tenuto conto dei vincoli ambientali e della tutela della salute – ha esordito Giuseppe Cappucci, Segretario generale CGIL Roma Sud-Pomezia-Castelli - Ci sono molte vertenze importanti aperte ed una grande preoccupazione per l’occupazione, ma la zona conserva anche tanti punti di forza da cui ripartire”.

Cappucci invita a lavorare insieme, sindacato, istituzioni, associazioni, affinché si sviluppi la consapevolezza che un nuovo modello di sviluppo è possibile, con l’accesso ai fondi europei, la presentazione di progetti integrati elaborati attraverso forme di democrazia partecipata, la creazione di un distretto industriale eco-sostenibile. Da queste idee è partito un animato dibattito in cui si è sottolineata l’importanza di mettere in campo strategie specifiche per questo territorio che tengano insieme lavoro e risanamento ambientale. Ma anche recupero dei centri storici, ampliamento dei servizi nelle aree interne, una politica dei rifiuti basata sulla raccolta differenziata ed il riciclo, investimenti nella cultura e nel turismo, la creazione del Parco dei Monti Lepini, la riutilizzazione di aree agricole in cui non si può più coltivare cibo sano per altri scopi (floricultura, produzione di fibre o di biocarburanti).

Le conclusioni sono spettate a Tina Balì, della Segreteria della CGIL di Roma e Lazio, che ha voluto spiegare il perché di una festa così articolata che vedrà in questi giorni circa 80 iniziative in tutta la Regione: “Abbiamo voluto mettere al centro il Piano del Lavoro che ha una grande ambizione, provare a riflettere su cosa è accaduto nel Paese e qual è ora la prospettiva, come si può uscire dalla crisi. Nel Lazio, dal 2008 ad oggi, si sono persi 5 miliardi di reddito a causa di licenziamenti, cassa integrazione, blocco della contrattazione. La domanda interna può ripartire solo con una seria politica occupazionale, con una rivalutazione degli stipendi e delle pensioni che faccia riprendere i consumi”. Entrando poi nella specifico del territorio di Colleferro e Valle del Sacco Tina Balì ha parlato della necessità di una politica industriale che si basi su un’ottica sostenibile, sulla green-economy. Ha poi affrontato il tema del Parco divertimenti di Valmontone: “Questi luoghi, così come i centri commerciali, non vanno demonizzati, ma vanno evitate le storture. Non si può tollerare la precarietà che generano, bisogna impegnarsi perché ci sia occupazione di qualità e provare a costruire intorno a questo asse di sviluppo una realtà turistica che coinvolga e valorizzi i centri vicini.

Oggi c’è la possibilità di aprire un dialogo, di fare rete – ha concluso Tina Balì – con queste iniziative abbiamo l’ambizione di aprire spazi di confronto, di creazione di idee e progetti che vengano tradotti nel concreto sui territori attraverso pratiche di buona politica”.

 

03-09-2013