Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Ancora una condanna per la Dolciaria Srl PDF Stampa E-mail

Ancora una condanna per attività antisindacale per la società Dolciaria Srl del sig. Coscione Fabrizio, subentrata alla ex Montebovi Industrie Roma- ora Industrie Roma – nella produzione di prodotti da forno, merendine, biscotti , dolciumi, ecc.., presso lo stabilimento di Lanuvio (Rm). A renderlo noto sono i 3 segretari di Flai Cgil Fai Cisl Uila Uil – Moranti Gianfranco, Passamonti Stefano, Persiani massimo.

Dopo la sentenza di febbraio scorso ora il tribunale di Velletri ha dichiarato antisindacale il comportamento tenuto dalla Dolciaria Srl nel privare del lavoro e della retribuzione i dipendenti che avevano preso parte allo sciopero ad oltranza dal 26 novembre 2012 per il licenziamento di 3 colleghi di lavoro, di cui un rappresentante sindacale (poi reintegrati) e per il mancato pagamento delle retribuzioni, disponendone l’immediata immissione in servizio. Inoltre, il giudice del lavoro ha dichiarato antisindacale la condotta datoriale nel trattenere le quote associative dovute nei confronti delle Organizzazioni Sindacali e nel negare l’accesso allo stabilimento ai Rappresentanti sindacali e della Sicurezza al fine di permettere loro di verificare la sicurezza nei luoghi di lavoro. Importante sentenza - sostengono i 3 segretari - perché oltre che confermare un diritto inalienabile dei lavoratori, cioè quello di scioperare e di non essere successivamente estromessi dal lavoro come atto ritorsivo e sostituiti da nuovi assunti, di aderire al sindacato e poter versare liberamente le proprie quote sindacali tramite la trattenuta in busta paga, il riconoscimento dei rappresentanti sindacali e della Sicurezza, la sentenza sancisce che il trasferimento d’azienda, con i passaggio dei dipendenti ad una impresa cessionaria così come non comporta l’interruzione dei rapporti di lavoro dei dipendenti ceduti, neanche comporta di per sé l’automatica caducazione delle competenze e degli status sindacali preesistenti, i quali sono funzionali alla natura degli stessi lavoratori. Ora – concludono i Sindacalisti - aspettiamo le sentenze per i dipendenti licenziati dalla Industei Roma (ex Montebovi Industria Roma) e nel frattempo stiamo preparando con i nostri uffici legali i ricorsi per i dipendenti che anche la Dolciaria nel frattempo - dopo averli tenuti a casa senza retribuire - ha licenziato sostituendoli con altri neo assunti.

Flai Cgil(Moranti G.)

Fai Cisl(Passamonti S.)

Uila Uil(Persiani M.)