Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Ciampino. L’Asp licenzia, il comune privatizza i nidi comunali. FUNZIONE PUBBLICA CGIL, FISASCAT CISL, UIL TuCS lanciano presidio unitario PDF Stampa E-mail

L’Asp ha ufficialmente comunicato lo stato di crisi e la volontà di licenziare 30 lavoratori. La società, interamente di proprietà del Comune di Ciampino, gestisce servizi di rilevanza sociale, tra cui le mense scolastiche, le farmacie, i nidi e l’assistenza scolastica agli alunni diversamente abili.

L’azienda dichiara, solo oggi, che nel 2012 ha perso oltre un milione di euro, a cui si somma un altro milione nel primo semestre di quest’anno. Contemporaneamente il Comune persegue la sciagurata scelta di dare in gestione privata i nidi comunali.

 

“Questo comporterà  - spiegano i rappresentanti di FUNZIONE PUBBLICA CGIL,  FISASCAT CISL,  UIL TuCS  - un taglio del servizio, meno assistenza ai bimbi diversamente abili, minor cura e attenzione verso questi piccoli cittadini. Chiediamo  ai cittadini di Ciampino, che con le tasse fanno vivere quest’azienda, di far sentire la propria voce. Chiediamo – proseguono i sindacati – l’immediato ritiro dei licenziamenti e la revoca della privatizzazione dei nidi comunali.
Siamo pronti a discutere con gli Amministratori Comunali e l’azienda un serio piano di rilancio, che tagli sprechi e inefficienze e riporti i conti i pareggio”.

A sostegno di queste richieste e in vista dell’incontro con l’aziende previsto il 4 luglio, FUNZIONE PUBBLICA CGIL,  FISASCAT CISL,  UIL TuCS hanno organizzato per lo stesso giorno un presidio unitario davanti al Comune di Ciampino, a partire delle ore 9.00. Per ribadire che “i servizi di rilevanza sociale devono rimanere pubblici. Senza se e senza ma”.

 

FUNZIONE PUBBLICA CGIL

FISASCAT CISL

UIL TuCS

 

02-07-2013