Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Sciopero alla Fiorucci di Pomezia, adesione del 98% dei dipendenti. Il 12 giugno incontro in Regione PDF Stampa E-mail

Ieri, alla Cesare Fiorucci SpA, si è svolto il primo sciopero di 8 ore programmato dalle OOSS Territoriali di Flai Cgil – Fai Cisl – Uila Uil e la Rappresentanza sindacale per protestare contro i 250 licenziamenti avviati dalla società il 12 aprile 2013.

Hanno aderito allo sciopero il 98% dei dipendenti (operai ed impiegati e quadri) manifestando civilmente e presidiando sin dalle ore 5.00 del mattino davanti alla storica fabbrica di Pomezia, una volta di proprietà della Famiglia Fiorucci oggi di proprietà della multinazionale ispanoamericana Campofrio Group. Durante lo sciopero tutti i dipendenti hanno ribadito la netta contrarietà alla proposta della Direzione Madrilena avanzata nell’ultima riunione in sede di Unione Industriale, confermata dalla stessa Direzione con una lettera ai dipendenti, che vedrebbe una cassa integrazione per 250 dipendenti senza rotazione fino a gennaio 2014, alla fine della quale almeno 180 dipendenti dovrebbero essere messi in mobilità, quindi licenziati, molti dei quali con il criterio delle esigenze tecniche organizzative e produttive, l’intenzione di utilizzare successivamente i contratti di solidarietà solamente per l’area produttiva escludendo quella impiegatizia, la sospensione degli istituti economici legati ai contratti integrativi aziendali per i rimanenti 440 dipendenti circa, la rivisitazione del costo della mensa aziendale. “Tutto ciò è inammissibile – affermano i Segretari delle 3 Organizzazioni Sindacali Territoriali, Moranti Gianfranco, Persiani Massimo, Passamonti Stefano – utilizzare i Contratti di Solidarietà quale strumento alternativo ai licenziamenti, utilizzare la Cassa integrazione senza rotazione e contestualmente licenziare unilateralmente comunque i dipendenti per esigenze tecnico organizzative è una proposta insostenibile, una strada impercorribile che porterà, giocoforza, ad altre azioni sindacali”. Dalla Regione Lazio è intanto arrivata la convocazione per il giorno 12 giugno, in seguito alla quale l'azienda ha comunicato che l'incontro previsto il 10 giugno presso l'Unione Industriale salterà, visto che la convocazione della Regione è a ridosso della data.

 

06-06-2013