Primo piano

Ancora roghi a Pomezia

Un altro incendio , ancora fiamme che distruggono merci, imballaggi, automezzi e documenti cartacei a Pomezia. E’ accaduto di nuovo ieri notte, con l’azienda chiusa per la festività, presso il deposito della ditta di autolinee ...

Leggi tutto...

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

3 giugno sciopero nazionale lavoratrici e lavoratori delle aziende di ristorazione collettiva associate ad Angem PDF Stampa E-mail

A seguito delle scelte di Angem, delle imprese di Ristorazione Collettiva ad essa associate, di:

 

- dare formale disdetta, del 14.11.2012, dell’applicazione del CCNL per i dipendenti da aziende del settore Turismo del 20 febbraio 2010 per effetto dell’uscita da Fipe-Confcommercio;

- aver comunicato durante l’incontro svolto il 09.05.2013 la sottoscrizione, con un’altra e diversa compagine sindacale, di un protocollo sostitutivo del CCNL richiamato, affermando che le condizioni previste in tale accordo saranno applicate da subito a tutte le lavoratrici ed i lavoratori delle aziende aderenti ad essa; - aver chiesto a Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil di firmare per adesione il suddetto protocollo;

- non aver tenuto in nessuna considerazione la volontà, più e più volte dichiarata, di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, di essere disponibili ad avviare un tavolo di trattativa con Angem per addivenire ad un rinnovo dell’articolato contrattuale più rispondente alle mutate condizioni del settore e conseguentemente entrare immediatamente nel merito della discussione;

 

 

 

Di fronte a tutto questo Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil denunciano:

 

il gravissimo comportamento di Angem;

il mancato rispetto delle basilari regole delle relazioni sindacali con le Federazioni Sindacali comparativamente più rappresentative del settore, che ribadiscono la propria volontà di avviare il confronto sul contratto nazionale;

l’applicazione del protocollo sottoscritto con terze Organizzazioni Sindacali che presenta gli estremi per l’attività antisindacale e che ha comportato formale diffida nei confronti di Angem e delle aziende aderenti alla stessa, di applicare il protocollo stesso, che oltretutto sconfina in altro settore merceologico (multiservizi) regolamentato da altro CCNL sottoscritto dalle nostre stesse Organizzazioni Sindacali con altre e diverse Associazioni Datoriali rappresentanti il settore richiamato.

 

Le informazioni inviate ai lavoratori con l’ultimo cedolino paga nel quale si evidenzia il blocco dell’applicazione contrattuale in essere; Per Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil risulta inaccettabile la pervicace volontà di Angem, e delle imprese ad essa associate, di giungere alla disapplicazione del Contratto Collettivo, pertanto proclamano SCIOPERO NAZIONALE PER L’INTERA GIORNATA LAVORATIVA DEL 3 GIUGNO 2013 di tutti i lavoratori dei settori Turismo-Ristorazione Collettiva delle società aderenti ad ANGEM.

PER CONTRASTARE L’INACCETTABILE SCELTA DI ANGEM E DELLE IMPRESE ASSOCIATE PER CHIEDERE IL RITIRO DELLA DISDETTA E APRIRE UN CONFRONTO SERIO E RISOLUTIVO PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO PER DIFENDERE I DIRITTI DI TUTTE LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DEL SETTORE DELLA RISTORAZIONE