Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

3 giugno sciopero nazionale lavoratrici e lavoratori delle aziende di ristorazione collettiva associate ad Angem PDF Stampa E-mail

A seguito delle scelte di Angem, delle imprese di Ristorazione Collettiva ad essa associate, di:

 

- dare formale disdetta, del 14.11.2012, dell’applicazione del CCNL per i dipendenti da aziende del settore Turismo del 20 febbraio 2010 per effetto dell’uscita da Fipe-Confcommercio;

- aver comunicato durante l’incontro svolto il 09.05.2013 la sottoscrizione, con un’altra e diversa compagine sindacale, di un protocollo sostitutivo del CCNL richiamato, affermando che le condizioni previste in tale accordo saranno applicate da subito a tutte le lavoratrici ed i lavoratori delle aziende aderenti ad essa; - aver chiesto a Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil di firmare per adesione il suddetto protocollo;

- non aver tenuto in nessuna considerazione la volontà, più e più volte dichiarata, di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, di essere disponibili ad avviare un tavolo di trattativa con Angem per addivenire ad un rinnovo dell’articolato contrattuale più rispondente alle mutate condizioni del settore e conseguentemente entrare immediatamente nel merito della discussione;

 

 

 

Di fronte a tutto questo Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil denunciano:

 

il gravissimo comportamento di Angem;

il mancato rispetto delle basilari regole delle relazioni sindacali con le Federazioni Sindacali comparativamente più rappresentative del settore, che ribadiscono la propria volontà di avviare il confronto sul contratto nazionale;

l’applicazione del protocollo sottoscritto con terze Organizzazioni Sindacali che presenta gli estremi per l’attività antisindacale e che ha comportato formale diffida nei confronti di Angem e delle aziende aderenti alla stessa, di applicare il protocollo stesso, che oltretutto sconfina in altro settore merceologico (multiservizi) regolamentato da altro CCNL sottoscritto dalle nostre stesse Organizzazioni Sindacali con altre e diverse Associazioni Datoriali rappresentanti il settore richiamato.

 

Le informazioni inviate ai lavoratori con l’ultimo cedolino paga nel quale si evidenzia il blocco dell’applicazione contrattuale in essere; Per Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil risulta inaccettabile la pervicace volontà di Angem, e delle imprese ad essa associate, di giungere alla disapplicazione del Contratto Collettivo, pertanto proclamano SCIOPERO NAZIONALE PER L’INTERA GIORNATA LAVORATIVA DEL 3 GIUGNO 2013 di tutti i lavoratori dei settori Turismo-Ristorazione Collettiva delle società aderenti ad ANGEM.

PER CONTRASTARE L’INACCETTABILE SCELTA DI ANGEM E DELLE IMPRESE ASSOCIATE PER CHIEDERE IL RITIRO DELLA DISDETTA E APRIRE UN CONFRONTO SERIO E RISOLUTIVO PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO PER DIFENDERE I DIRITTI DI TUTTE LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DEL SETTORE DELLA RISTORAZIONE