Primo piano

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile" - 13 febbraio Hotel Enea

Martedì 13 febbraio la Cgil di Roma Sud Pomezia Castelli promuove a Pomezia un convegno dal titolo" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile", ore 9,30 presso l’Hotel Enea, via del Mare ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Fiorucci Pomezia. Martedì 30 aprile assemblea generale con tutti i dipendenti PDF Stampa E-mail

Si è svolto fino alla tarda serata di ieri l'incontro previsto presso la U.I.R. tra le OO.SS., la RSU ed i vertici aziendali della Cesare Fiorucci SpA di Pomezia, in merito alla procedura di licenziamento collettivo di 250 dipendenti avviata dalla società il 12 aprile scorso

Le Organizzazioni Sindacali hanno ribadito la netta contrarietà alla cessazione ed alla esternalizzazione di alcune importanti attività.

La società datrice dal canto suo nel confermare le motivazioni alla base del provvedimento di licenziamento collettivo, si è resa disponibile ad un dialogo con le rappresentanze.

A tal proposito si è concordato di svolgere 2 incontri tecnici in sede aziendale con la RSU - precisamente il 6 ed il 9 maggio prossimo - dove verranno esaminate ed approfondite nel dettaglio le tematiche delle aree produttive ed impiegatizie interessate all'esubero dichiarato.

Inoltre, si è convenuto tra le Parti che, una volta effettuate tali riunioni aziendali, la discussione sarà aggiornata in sede di Unione Industriali di Roma il giorno 14 maggio 2013.

Le OO.SS. di Fai Cisl -  Flai Cgil - Uila Uil e la RSU rendono noto che il giorno 30 aprile 2013 verrà svolta un'assemblea generale con tutti i dipendenti del sito di Pomezia per informare e decidere la linea da portare avanti durante la trattativa che, indiscutibilmente, si presenta tutta in salita per la complessità della procedura avviata, per  l'impatto sociale che essa produrrebbe tra le maestranze stesse e conseguentemente per l'impatto sul tessuto sociale del territorio Pontino e dei Castelli Romani già interessato da anni da cassa integrazione e licenziamenti.

 

Fai Cisl
Flai Cgil
Uila Uil

 

25-04-2013