Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Fiorucci Pomezia. Martedì 30 aprile assemblea generale con tutti i dipendenti PDF Stampa E-mail

Si è svolto fino alla tarda serata di ieri l'incontro previsto presso la U.I.R. tra le OO.SS., la RSU ed i vertici aziendali della Cesare Fiorucci SpA di Pomezia, in merito alla procedura di licenziamento collettivo di 250 dipendenti avviata dalla società il 12 aprile scorso

Le Organizzazioni Sindacali hanno ribadito la netta contrarietà alla cessazione ed alla esternalizzazione di alcune importanti attività.

La società datrice dal canto suo nel confermare le motivazioni alla base del provvedimento di licenziamento collettivo, si è resa disponibile ad un dialogo con le rappresentanze.

A tal proposito si è concordato di svolgere 2 incontri tecnici in sede aziendale con la RSU - precisamente il 6 ed il 9 maggio prossimo - dove verranno esaminate ed approfondite nel dettaglio le tematiche delle aree produttive ed impiegatizie interessate all'esubero dichiarato.

Inoltre, si è convenuto tra le Parti che, una volta effettuate tali riunioni aziendali, la discussione sarà aggiornata in sede di Unione Industriali di Roma il giorno 14 maggio 2013.

Le OO.SS. di Fai Cisl -  Flai Cgil - Uila Uil e la RSU rendono noto che il giorno 30 aprile 2013 verrà svolta un'assemblea generale con tutti i dipendenti del sito di Pomezia per informare e decidere la linea da portare avanti durante la trattativa che, indiscutibilmente, si presenta tutta in salita per la complessità della procedura avviata, per  l'impatto sociale che essa produrrebbe tra le maestranze stesse e conseguentemente per l'impatto sul tessuto sociale del territorio Pontino e dei Castelli Romani già interessato da anni da cassa integrazione e licenziamenti.

 

Fai Cisl
Flai Cgil
Uila Uil

 

25-04-2013