Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Ex Montebovi. Arrivate le prime lettere di licenziamento PDF Stampa E-mail

Oggi, presso il centro sociale di Campoleone si sono riunite le maestranze della ex Montebovi ora Industrie Roma e della Dolciaria srl.

A soli 6 giorni dal mancato accordo siglato il 15 marzo scorso sono arrivate le prime lettere di licenziamento e messa in mobilità per diversi dipendenti.

 

Così, dopo che 2 dipendenti sono stati informati di essere indagati da parte delle forze dell'ordine, molti di loro ora non hanno più un posto di lavoro.

Gli stessi che dall'ottobre 2012 sono in ferie forzate e senza retribuzione - è uno scandalo gridano all'unisono i segretari delle 3 categorie alimentariste territoriali - "sono stati messi in ferie x 6 mesi e senza retribuzione". Nel frattempo sappiamo che alcune ingiunzioni di pagamento sono state accolte dal Tribunale di Velletri e l'invito del Prefetto alla proprietà è andato a vuoto in quanto il sig. Coscione amministratore delle 2 società, nonostante le sollecitazioni, non si sarebbe presentato.

Ed è uno scandalo, proseguono i sindacalisti, che anche i dipendententi della Dolciaria finito lo sciopero siano stati messi in ferie forzate e senza essere retribuiti ma nel frattempo stanno lavorando dipendenti assunti a dicembre 2012.

Gli uffici legali del Sindacato a breve presentaranno un'altra denuncia per attività antisindacale e si stanno valutando altre azioni legali nei confronti delle società.

I licenziamenti saranno tutti contestati ed impugnati presso il giudice del lavoro aggiungono nella nota i sindacalisti.

Intanto, l'assemblea ha deciso di riprendere il presidio permanente nei pressi dello stabilimento di Lanuvio con le modalità che saranno preventivamnete comunicate alla questura di Roma.

 

23-03-2013