Primo piano

Ancora roghi a Pomezia

Un altro incendio , ancora fiamme che distruggono merci, imballaggi, automezzi e documenti cartacei a Pomezia. E’ accaduto di nuovo ieri notte, con l’azienda chiusa per la festività, presso il deposito della ditta di autolinee ...

Leggi tutto...

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Cappucci:“Animalisti manifestano davanti alla Menarini aggredendo i dipendenti. Violenza inaccettabile" PDF Stampa E-mail

“Ci lascia sgomenti quello che sta succedendo davanti allo stabilimento Menarini di Pomezia – dichiara Giuseppe Cappucci, Segretario Generale della CGIL Roma Sud-Pomezia-Castelli -

Qui da alcuni giorni un gruppo di animalisti sta protestando contro i metodi di ricerca e di utilizzo degli animali adottati dall’azienda in questione. Una manifestazione di dissenso più che legittima, quello che non è accettabile è invece l’atteggiamento violento espresso oggi dai manifestanti contro i lavoratori della Menarini, che sono stati oggetto di aggressioni verbali, insulti, danneggiamenti delle proprie auto e, sembra, anche di aggressioni fisiche. Inoltre i lavoratori hanno difficoltà e timore ad uscire dalla fabbrica a causa dei disordini, tanto che è stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine”.

“Pur difendendo la libertà di manifestare del gruppo di animalisti, penso che la protesta debba essere sempre civile e non violenta – continua Cappucci - E’ vergognoso l’attacco contro i dipendenti Menarini che sono nello stabilimento a svolgere il proprio lavoro per guadagnarsi lo stipendio, senza essere tra l’altro responsabili delle politiche dell’azienda in fatto di ricerca e test. Di certo non è questa la strada per difendere i diritti degli animali, senza rispettare i diritti e la sicurezza dei lavoratori”.

 

8-3-2013