Primo piano

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile" - 13 febbraio Hotel Enea

Martedì 13 febbraio la Cgil di Roma Sud Pomezia Castelli promuove a Pomezia un convegno dal titolo" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile", ore 9,30 presso l’Hotel Enea, via del Mare ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Sigma-Tau. Accordo raggiunto con diminuzione degli esuberi, prolungamento della CIGS e sostegno al reddito PDF Stampa E-mail

Venerdì 11/01/2013 si è svolto presso la Regione Lazio l’incontro tra le OO.SS., le RSU e la Sigma-tau per la sottoscrizione dell’accordo relativo alla gestione delle ricadute occupazionali, come illustrato nelle assemblee avute con i lavoratori,  conseguenti  alla ridefinizione delle strutture organizzative derivanti dal Piano Industriale (PI) presentato dalla Azienda e già illustrato alla Regione, al Ministero del Lavoro ed al Ministero per lo Sviluppo Economico.

 

 

L’Azienda aveva dichiarato, a seguito delle modifiche organizzative conseguenti il PI, un esubero di 378 lavoratori (232 già in CIGS + 146 nuovi esuberi), ed aveva annunciato l’apertura di una procedura di mobilità per la gestione di tali esuberi.

 

Le OO.SS. e le RSU, sostenute anche dalle istituzioni, hanno da subito fermamente respinto tale impostazione e chiesto l’utilizzo, per la gestione degli esuberi dichiarati, di ammortizzatori sociali meno traumatici e conservativi.

 

L’Azienda si è quindi dimostrata disponibile a modificare la scelta della mobilità, ed il giorno 13/12/2012 ha aperto una procedura di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) relativa a 378 lavoratori per un periodo di 12 mesi.

 

Nel corso delle successive trattative le OO.SS. e le RSU hanno chiesto con forza che l’Azienda riducesse il numero di lavoratori dichiarati in esubero, un sostegno al reddito per i lavoratori da porre in CIGS, e l’utilizzo di tutti gli strumenti possibili per una politica attiva del lavoro per formare e riqualificare i lavoratori sospesi al fine di favorirne la loro ricollocazione.

 

Inoltre, al fine di una più concreta possibilità di ricollocazione dei lavoratori, è stato richiesto che la durata della CIGS fosse portata a 24 mesi.

 

L’accordo raggiunto, dopo diversi incontri, prevede la riduzione dei lavoratori dichiarati in esubero da 378 a 360, il prolungamento della CIGS da 12 a 24 mesi,  un sostegno al reddito, da parte dell’Azienda, di 350 euro mensili a chi ne farà richiesta e viene confermata la continuità del fondo Faschim.

 

Inoltre sono stati previsti nell’accordo una serie di interventi di formazione e riqualificazione a supporto della ricollocazione dei lavoratori in CIGS.

 

La RSU verificherà, in incontri specifici con l’Azienda l’andamento degli strumenti di politica attiva del lavoro identificati per la gestione delle problematiche occupazionali e l’attuazione del PI con i relativi investimenti.

                                                                                   

RSU sigma-tau