Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

BOLICI DI ANZIO. FILCA CISL E FILLEA CGIL: CAMPAGNA ELETTORALE SULLA PELLE DEI LAVORATORI PDF Stampa E-mail

Negli ultimi giorni abbiamo assistito a dichiarazioni a mezzo stampa sulla situazione dell’Azienda Bolici Paolo di Anzio da parte del Sindaco del Comune di Anzio che, pur governando il territorio, dimostra la sua poca conoscenza sia della reale situazione economica-finanziaria dell’Azienda sia delle procedure di gestione degli ammortizzatori sociali.

Il sindaco di Anzio, pochi giorni fa, ricevendo nel suo ufficio una rappresentanza di lavoratori della Ditta Bolici, si è detto “sorpreso che tante famiglie siano state lasciate sole e senza alcuna forma di sostentamento, con il silenzio delle istituzioni. In primo luogo il sindacato che è al momento latitante”. In primo luogo, per quanto riguarda “il silenzio delle istituzioni”, ricordiamo al sindaco Bruschini la richiesta di incontro che le Organizzazioni Sindacali hanno inviato alla segreteria del Primo Cittadino nell’aprile del 2012, con allegato comunicato stampa del 16 aprile 2012. Con quella comunicazione chiedevamo al sindaco di intervenire nel tentativo di trovare sul territorio le necessarie garanzie occupazionali. Ad oggi, non abbiamo ottenuto risposta. Siamo stanchi di una politica che interviene unicamente nel periodo pre-elettorale su questioni troppo delicate per essere ridotte ad una velina finalizzata a procurarsi una manciata di voti. In secondo luogo, pur consapevoli delle difficoltà che i lavoratori della Bolici e le loro famiglie stanno attraversando, rivendichiamo con orgoglio il lavoro svolto finora. L’Azienda Bolici Paolo, infatti, è in ammortizzatori sociali da quasi 3 anni, nel corso dei quali le Parti Sociali, Federlazio, Filca Cisl e Fillea Cgil, hanno attivato ininterrottamente tutti gli ammortizzatori sociali possibili al fine di salvaguardare il posto di lavoro dei 27 dipendenti della Ditta. Intanto, mentre si attende dal Tribunale di Velletri il completamento dell’iter di concordato richiesto dall’Azienda e la nomina di un Commissario Giudiziale, la Paolo Bolici, l’Associazione imprenditoriale Federlazio e le OO.SS di categoria, il 20/12/2012, hanno richiesto alla Regione Lazio la proroga della CIGS in deroga per il 2013, la cui sottoscrizione dovrà avvenire dal 07 gennaio al 07 febbraio 2013, così come stabilito nella Conferenza Stato Regioni sugli ammortizzatori in deroga e dall’Accordo Quadro firmato dalla Regione Lazio e Parti Sociali Regionali il 21/12/2012. Ora, siamo solamente in attesa di poter siglare l’accordo ed evitare davvero il rischio che le famiglie vengano lasciate “senza alcuna forma di sostentamento”. Alla propaganda del sindaco, il sindacato risponde con i fatti e chiede alla politica di interrompere un’indegna campagna elettorale condotta sulla pelle dei lavoratori della Bolici Paolo di Anzio.

 

11-01-2013