Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Cappucci: “Inaccettabile la chiusura del reparto di psichiatria a Frascati. Gravi responsabilità della Regione” PDF Stampa E-mail

La chiusura del Servizio Psichiatrico dell’ospedale San Sebastiano di Frascati, prevista per il 20 novembre, ci appare gravissima, così come ci appaiono gravissime le responsabilità della Regione Lazio” afferma Giuseppe Cappucci, Segretario generale della Cgil Roma Sud-Pomezia-Castelli, spiegando come la politica di tagli portata avanti dalla giunta Polverini ha generato una forte carenza di personale e, da domani, la chiusura del reparto di psichiatria di Frascati.

“Non è accettabile che un servizio fondamentale, che copre un’utenza di circa 400mila abitanti fra tutti i comuni tuscolani e il X Municipio di Roma, possa essere chiuso – prosegue Cappucci - I disagi saranno enormi per i pazienti psichiatrici per i quali bisognerà trovare posti letto in altre strutture, impresa assai difficile visti i tagli che tutti gli ospedali stanno vivendo. Più volte è stato chiesto alla Regione di intervenire per l’adeguamento del personale e per salvaguardare il futuro del reparto, ma non c’è stata risposta. Al contrario, in tutto il Lazio continuiamo ad assistere alla drastica riduzione dei servizi che mette a repentaglio la cura e il diritto alla salute dei cittadini, con un impatto devastante sui malati, sulle famigli e sull’intera società”.

 

19-11-2012