Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Cecconi. Siglato l’accordo, cassa integrazione straordinaria per 12 mesi PDF Stampa E-mail

In data 29 ottobre 2012 presso la Regione Lazio Assessorato al lavoro è stato siglato l’accordo di ammortizzatori sociali per i 42 dipendenti della Industria Cecconi, lo storico marchio dei salumi di Ardea, che ha avviato nel settembre scorso la cessazione di tutta l’attività e 42 licenziamenti collettivi.

 

A comunicarlo sono Moranti Gianfranco, Segretario Generale della Flai Cgil Pomezia Castelli, e  Persiani Massimo, della Segreteria Provinciale Roma e Lazio.

A poco più di un anno dal passaggio dell’azienda dagli eredi Cecconi alla famiglia Scarfoglio Ferrara, si cessa una importante attività industriale del territorio della provincia e con essa 40 padri e madri di famiglia perdono il posto di lavoro.

“L’accordo sottoscritto in sede Regionale - dicono i sindacalisti -  prevede la richiesta di Cassa Integrazione Straordinaria per 12 mesi al fine di attenuare l’impatto sociale del licenziamento, alla fine della quale i dipendenti saranno licenziati, quindi messi in mobilità”.

Intanto, comunicano le Organizzazioni Sindacali, sono state depositate presso il Tribunale di Velletri le ingiunzioni di pagamento per gli stipendi arretrati compresa la quattordicesima perché i dipendenti non intendono rinunciare neanche ad un centesimo del denaro sudato e guadagnato, e forte preoccupazione vi è per il T.F.R. che ammonta complessivamente a circa 1 milione di euro.

Nel frattempo saranno analizzate e verificate alcune proposte di imprenditori interessati al sito, che eventualmente permetterebbero la ricollocazione di alcuni dipendenti sospesi in Cassa Integrazione.

Dall’8 novembre p.v. inizieranno una serie di incontri tecnici nella sede di Federlazio che affronteranno e sviscereranno in tal senso le questioni economiche e le questioni legate ad eventuali società cessionarie.

 

FLAI CGIL

Moranti Gianfranco

 

UILA UIL
Persiani Massimo