Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

SCIOPERO SOSPESO ALLA MONTEBOVI INDUSTRIE ROMA PDF Stampa E-mail

Nella tarda serata di mercoledì 17 ottobre 2012 l’azienda Montebovi con i propri rappresentanti e le Organizzazioni Sindacali Territoriali di Flai, Fai e Uila sono tornati al tavolo per riaffrontare la difficile vertenza, dopo che le trattative si erano interrotte martedì scorso.

 

Questa volta le Parti hanno trovato un punto di convergenza; infatti sono state congelate le lettere di messa in ferie forzata di circa 22 dipendenti, decidendo di incontrarsi nuovamente venerdì prossimo per verificare l’opportunità e la gestione della Cassa integrazione Ordinaria per 13 settimane all’interno di tutto il sito di Lanuvio.

In virtù di questo l’assemblea dei dipendenti, in presidio fuori dell’azienda, ha deciso di riprendere l’attività lavorativa già dalla mattinata di giovedì alle ore 7.00, di fatto sciogliendo e revocando lo sciopero generale che da lunedì scorso si stava effettuando.

“Da venerdì inizierà un confronto serrato - sostengono i 3 segretari della Flai, Fai, Uila (Moranti- Passamonti-Persiani) - che dovrà individuare la corretta gestione della C.I.GO. e che dovrà essere distribuita nella maniera più equa possibile tra tutte le maestranze, alla luce di una riorganizzazione e di un piano industriale che la nuova proprietà dovrà presentare alle Organizzazioni Sindacali.

Siamo consapevoli - concludono i Sindacalisti - che questo è l’inizio di un percorso in salita, difficile. Abbiamo gettato le basi per un confronto preventivo e serio che segna un passo in avanti nelle relazioni sindacali”. Ora tutti auspicano ad un rilancio societario, che come dichiarato dallo stesso imprenditore, passi attraverso un piano di salvataggio presentato alle banche, un rilancio che possa garantire i livelli occupazionali nei prossimi anni.

 

 

FLAI CGIL
Moranti Gianfranco

 

FAI CISL
Passamonti Stefano

 

UILA UIL
Persiani Massimo

 

 

18-10-2012