Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Cecconi, Flai e Uila "sciopero ad oltranza". Cappucci: “I lavoratori pagano prezzo della crisi” PDF Stampa E-mail

Ancora problemi per i lavoratori del salumificio Cecconi di Ardea. Ad un anno esatto della cessione dell’azienda Eredi Cecconi con la costituzione della nuova Società Cecconi facente capo alla famiglia Ferrara Scarfoglio, la situazione è divenuta non più sostenibile.

Le maestranze durante questo anno di esercizio hanno dato tutte le loro disponibilità sacrificando anche parte del proprio stipendio, riducendolo del 20%, con l’applicazione del Contratto di Solidarietà, ma ciò non è servito ed il piano Industriale è stato puntualmente disatteso. Ci sono ritardi negli stipendi, ad alcuni dipendenti in aspettativa per Legge 104 non viene erogata l’anticipazione prevista dal contratto e dalla legge vigente, la quattordicesima mensilità non è stata ancora pagata ai dipendenti, nonostante le promesse aziendali.

 

Di fronte a questa situazione le Organizzazioni Sindacali di Flai e Uila territoriali, congiuntamente alle proprie rappresentanze interne, hanno più volte chiesto incontri specifici, ma dall’ultimo incontro di maggio tenutosi in Federlazio, l’azienda ha sempre ignorato le richieste non rendendosi più disponibile. Per questo i lavoratori hanno deciso di continuare lo stato di agitazione, proclamando uno sciopero ad oltranza con assemblea e presidio permanente, fin tanto che, fanno sapere Flai e Uila, l’amministartore|Presidente non siederà al tavolo con le Parti illustrando con chiarezza la disponibilità di un piano industriale vero per il rilancio dello storico marchio Cecconi, a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori dello stabilimento di Ardea.

 

Un forte impegno da parte dell’azienda ma anche delle Istituzioni viene sollecitato dal Segretario generale della Cgil di Roma Sud-Pomezia-Castelli, Giuseppe Cappucci: “Ci si chiede quale futuro si prospetta per il salumificio Cecconi, storica ditta del litorale laziale, e per i suoi dipendenti, non più disposti a sacrifici ed incertezze per le quali l’azienda non ha risposte concrete. Di fronte agli effetti sul nostro territorio di una crisi penetrante e duratura è necessaria l’azione concreta e sinergica di tutte le parti, affinché non siano sempre i lavoratori a dover pagare il prezzo più alto”. 27-08-2012 Ufficio stampa CGIL CdLT Roma Sud-Pomezia-Castelli

 

 

27-08-2012