Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Un impegno che comincia a dare risultati! PDF Stampa E-mail

CGIL E SPI: "CHIEDIAMO AI COMUNI UN CONFRONTO SU PATTI ANTIEVASIONE E TARIFFE LOCALI"

 

 

La CGIL è attenta da sempre alle condizioni create dalla crisi tra le fasce sociali più deboli e alla necessità di reperire risorse per garantire servizi e coesione sociale sul territorio. Il sindacato non ha mai taciuto le difficoltà e le responsabilità, dei governi centrali e regionali in primis: un welfare ridotto all’anno zero, servizi impoveriti e capitoli di spesa azzerati, diseguaglianze e povertà crescenti. Il sindacato svolge un lavoro quotidiano, con il coinvolgimento dei cittadini e degli EE.LL. del territorio. L’ultima volta ad Ariccia la Camera del Lavoro Roma Sud-Pomezia-Castelli e lo SPI CGIL territoriale avevano invitato Amministratori, Sindaci ed OO.SS., CISL e UIL, nella consapevolezza che fosse necessaria un’alleanza delle forze sociali e delle istituzioni, per sollecitare l’azione dei governi e rispondere alla crisi. Si sono chieste risorse e fatto proposte, ma le risposte concrete si fanno attendere. Due i punti centrali indicati dalla Cgil: la rimodulazione delle tariffe locali, dell’Imu prima di tutto, e la sottoscrizione del Patto Antievasione con l’Agenzia delle Entrate, al fine di recuperare risorse da destinare al sociale. “Molti Amministratori hanno condiviso queste proposte, ma tardano a convocarci. Perché? - si chiede Fioralba Giordani, della Segreteria della CdLT - Non intendiamo lasciar correre e ne risponderanno ai loro cittadini!” In questo panorama piuttosto desolante fa eccezione il Comune di Carpineto, che ha dato risposte positive. Nell’incontro del 10 maggio con le parti, a cui erano presenti, per la CdLT, Fioralba Giordani e, per lo SPI Colleferro, Antonio Boschi, si è sottoscritto un impegno ad aderire al Patto con l’AA.EE., in consorzio con i Comuni vicini. “Si possono chiedere sacrifici, ma mantenendo attenzione alla coesione sociale e al disagio - ha sottolineato Rosa Carbone, Segr. Generale dello SPI del territorio - Lo SPI ha posto tra le sue priorità un centro per l’Alzheimer. Intanto un lavoro eccellente è stato fatto sull’Imu, creando delle fasce agevolate che vedranno aumentata la detrazione per la prima casa da 200 a 300 euro”. Le fasce, su cui concordano le OO.SS., comprendono ultra65enni, titolari di pensioni di invalidità, nuclei familiari con disabilità e, non scontato, disoccupati da almeno un anno e cassintegrati. Rosa Carbone e Fioralba Giordani esprimono soddisfazione per l’intesa e per l’attenzione che il Sindaco ha dimostrato su tutte le tariffe comunali, evitando di gravare ulteriormente su famiglie e anziani: “Riteniamo che questa prima intesa possa costituire un esempio da proporre negli altri comuni che sollecitiamo ancora ad aprire un confronto nell’interesse delle loro comunità”. 15-05-2012