Primo piano

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile" - 13 febbraio Hotel Enea

Martedì 13 febbraio la Cgil di Roma Sud Pomezia Castelli promuove a Pomezia un convegno dal titolo" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile", ore 9,30 presso l’Hotel Enea, via del Mare ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Elezioni Rsu, Asl RM G. Cappucci. “Sono dipendente dell'azienda in aspettativa ma mi viene negato il voto” PDF Stampa E-mail

Presso l’ospedale di Colleferro si è verificata oggi una situazione gravissima ed incresciosa. Durante le elezioni delle Rsu, la Commissione elettorale della Asl RM G di Tivoli ha impedito il voto al Segretario della CdLT Roma Sud-Pomezia-Castelli, Giuseppe Cappucci, dipendente dell’azienda in aspettativa sindacale non retribuita. Il presidente dell’ufficio elettorale centrale ha infatti sostenuto che i dirigenti sindacali in aspettativa non retribuita non hanno diritto al voto.

“Un’affermazione assurda e chiaramente errata – replica Cappucci - Sono ancora a tutti gli effetti un dipendente dell’azienda, non mi sono mai dimesso ed ho piena facoltà di votare per eleggere i miei rappresentanti sindacali, come del resto è sempre stato. In questo modo viene vietata ad un lavoratore la libera espressione del voto, gli viene negato un diritto fondamentale. Quello di oggi è un precedente che  spero non si ripeta in altri luoghi di lavoro, un attacco durissimo al valore stesso della democrazia e della rappresentanza sindacale, che non posso ignorare come sindacalista ma, soprattutto, come lavoratore leso nei propri diritti. Auspico l'immediato ripristino della regolarità nelle operazioni di voto e la revoca di una decisione che, se perpetrata, mi vedrà costretto ad intervenire in tutti i modi previsti perché venga riconosciuta la legittimità del mio voto e mi sia data la possibilità di esprimerlo liberamente”.

 

06-03-2012