Primo piano

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile" - 13 febbraio Hotel Enea

Martedì 13 febbraio la Cgil di Roma Sud Pomezia Castelli promuove a Pomezia un convegno dal titolo" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile", ore 9,30 presso l’Hotel Enea, via del Mare ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Il territorio della CdLT Roma Sud-Pomezia-Castelli PDF Stampa E-mail

La CdLT Roma Sud-Pomezia-Castelli, costituitasi con l’Assemblea congressuale del 19 gennaio, comprede i seguenti territori:
IX Municipio Roma
X Municipio Roma
Comune di Ciampino
Zone costiere Pomezia (4 Comuni)
Zona Predestina (10 Comuni)
Zona Castelli-Frascati (8 Comuni)
Zona Castelli-Ariccia e Velletri (8 Comuni)
Zona Colleferro (9 Comuni)

 

«È stato completato nei giorni scorsi il processo di riforma e di rimodulazione delle camere del lavoro territoriali che sono passate da sette a quattro (Roma nord-Civitavecchia, Roma sud- Pomezia, Roma est- Valle dell'Aniene, Roma centro - ovest e litoranea) e saranno guidate dai neoletti segretari generali (Cesare Caiazza, Giuseppe Cappucci, Ernesto Rocchi, Marina Pierlorenzi) e dalle rispettive segreterie». Lo annuncia Claudio Di Berardino, segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio. «In questo modo - continua - abbiamo ridisegnato la Cgil nel territorio della provincia di Roma mettendo in forte relazione il centro con le periferie. È stata una scelta necessaria e nata dall'esigenza di provare a risolvere i problemi dei lavoratori, dei pensionati, dei giovani, dei cittadini, problemi che non trovano risposte adeguate all'interno dei singoli municipi e comuni. Crediamo che le politiche di sviluppo a partire da quelle relative all'ambiente per passare poi alle infrastrutture, alla mobilità, ai rifiuti solidi urbani, all'energia, alla casa - aggiunge - vadano impostate nell'ambito di un'area vasta e attraverso un rapporto sinergico tra le diverse istituzioni e parti datoriali presenti. Si riconferma così la scelta del decentramento e della vicinanza al territorio e ai luoghi di lavoro soprattutto in un momento in cui la crisi si fa più acuta e rischia di degenerare se non si interviene prontamente». «Siamo convinti che queste nuove camere del lavoro, insieme a quelle di Rieti, Frosinone, Viterbo e Latina, - conclude - potranno contribuire dal punto di vista sindacale a rispondere all'esigenza di un nuovo sviluppo integrato, sostenibile nonchè ancorato alla ricerca e all'innovazione dell'intera regione».


GUARDA LA CARTINA DELLE CDLT ( evidenziata in rosa Roma Sud-Pomezia-Castelli)