Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Fiom: 21 ottobre manifestazione lavoratori Fiat e Fincantieri PDF Stampa E-mail

Il 21 ottobre sciopero di 8 ore e manifestazione nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori FIAT e Fincantieri. La manifestazione si svolgerà a Roma a Piazza del Popolo dalle ore 9,30.
Alla base della protesta prevista per venerdì 21 ottobre, ha spiegato il Segretario Generale della FIOM CGIL, Maurizio Landini, “vi è la richiesta di una politica industriale che nel nostro paese non esiste. Mettere insieme Fincatieri e FIAT ha un significato ben preciso che è quello di denunciare che non esiste una politica industriale nel nostro paese e che, per questo, dobbiamo rivendicarla”. In particolare, per quanto riguarda Fincantieri, il leader delle tute blu della CGIL ha evidenziato come “i problemi ci sono tutti. Non esiste – ha detto - un piano industriale del gruppo ma, nel frattempo, l'azienda vuole definire gli esuberi cantiere per cantiere. Questo è inaccettabile e se Fincantieri continuerà a svolgere i suoi incontri sui carichi di lavoro stabilimento per stabilimento, questa è una buona ragione in più per proclamare lo sciopero”. La FIOM, infatti, ha ricordato Landini, chiede da mesi l'apertura di un tavolo nazionale sul nuovo piano industriale di Fincantieri e, ha proseguito “l'annuncio del ministro Romani di voler convocare un incontro per i primi di novembre è per noi un punto importante”.