Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

CRISI DIMA E EMMELUNGA-AIAZZONE INCONTRO IN PREFETTURA PDF Stampa E-mail

“La CGIL del Comprensorio Pomezia-Castelli-Colleferro-Subiaco ha preso parte alla riunione che le proprie strutture di Categoria, FILLEA (edili) e FILCAMS (commercio e servizi) hanno avuto oggi presso la Prefettura di Roma, con all’ordine del giorno due delle attuali più gravi crisi aziendali del territorio, quella della DI.MA. Costruzioni e quella della EMMELUNGA-AIAZZONE...

In ragione dei riflessi che le due vertenze hanno sulla situazione occupazionale già disastrata del comprensorio pometino si era attivato nei confronti della Prefettura lo stesso Sindaco di Pomezia, presente alla riunione”. Ne dà notizia l’Ufficio Stampa della Cgil del Comprensorio. “Per quanto attiene alla DI.MA. il confronto ha riguardato la possibilità di reperire una somma sufficiente ad erogare ai circa 200 dipendenti (collocati in CIGS) almeno una parte degli arretrati retributivi, senza attendere i tempi ed i passaggi necessari alla nomina del Commissario Straordinario previsto dalla c.d. “Legge Prodi-bis”, la cui attivazione è stata richiesta dall’attuale Amministratore Delegato. La CGIL ha condiviso la richiesta formulata in tal senso dalla Prefettura alla Società perché venga verificata nel più breve tempo possibile con le banche creditrici la possibilità di utilizzo delle somme già disponibili e con i principali committenti la possibilità di operare una cessione del credito”.

“Sarebbe inaccettabile – dichiara Gianni Leonetti della segreteria Cgil del Comprensorio - se nell’aggiornamento della riunione, previsto dalla Prefettura entro martedì prossimo, si dovesse assistere di nuovo ad uno scaricabarile fra la proprietà e l’attuale Amministrazione della Società e fra questa e le banche creditrici  senza mettere sul piatto la somma minima necessaria a dare una boccata d’ossigeno ai lavoratori.  Non si può ignorare che essi sono per la quasi totalità migranti, e quindi si trovano già su altri piani in una condizione di estrema debolezza. Per quanto riguarda la EMMELUNGA-AIAZZONE la Prefettura si attiverà immediatamente nei confronti del Ministero del Lavoro perché convochi al più presto la riunione necessaria a convertire da Riorganizzazione a Crisi la CIGS del Gruppo PANMEDIA, estendendo la copertura a tutti gli oltre 700 dipendenti, fra i quali i 32 di Pomezia, che continuano nel loro presidio permanente del punto vendita di Via Pontina”.