Primo piano

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola

News image

Il diritto al lavoro, il dovere della salute, sul posto di lavoro, nella città, nella scuola. E anche a Pomezia Incontro organizzato dalla Camera del Lavoro e la FLC Roma Sud Pomezia Castelli con gli s...

Leggi tutto...

" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile" - 13 febbraio Hotel Enea

Martedì 13 febbraio la Cgil di Roma Sud Pomezia Castelli promuove a Pomezia un convegno dal titolo" Pomezia: Quali idee e risorse per uno sviluppo industriale sostenibile", ore 9,30 presso l’Hotel Enea, via del Mare ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Elezioni Rsu Fiorucci di Pomezia. Flai-Cgil primo sindacato PDF Stampa E-mail

Si sono concluse le elezioni per il rinnovo della RSU nello stabilimento Fiorucci di Santa Palomba (Pomezia). La risposta dei lavoratori chiamati alle urne è stata significativa in termini di partecipazione (hanno votato in 503 su 612 aventi diritto) ed ha premiato la FLAI. Sono infatti risultati eletti, su 13 componenti complessivamente la RSU, ben 6 delegati dell’organizzazione di categoria della CGIL, che ha conseguito in totale 203 voti. Solo tre delegati ciascuno vanno a CISL e UIL,  uno alla UGL. Escono definitivamente di scena i CUB, che non hanno riconfermato l’unica presenza che si erano aggiudicati in precedenza. La CGIL, Camera del Lavoro Territoriale di Pomezia-Castelli-Colleferro-Subiaco, e la FLAI del Territorio mettono in risalto come il voto rappresenti un indubbio riconoscimento al ruolo svolto dall’organizzazione e dai suoi delegati nel corso degli ultimi 3 anni, segnati dal ricorso ininterrotto da parte dell’Azienda Fiorucci alla CIG per ristrutturazione. Il numero dei dipendenti, rispetto ai precedenti 750, si è assottigliato infatti di circa 140 unità (di cui 60 impiegati) in conseguenza delle fuoriuscite in mobilità incentivata e delle operazioni di esternalizzazione di alcune attività, trasferite dalla FIORUCCI a società terze. Un processo di riorganizzazione lungo e complesso, nel quale la FLAI CGIL ha affrontato con senso di responsabilità i passaggi più delicati, giungendo alla sottoscrizione di accordi  rispettosi e non lesivi dei diritti dei lavoratori, in uno stretto rapporto democratico con tutti i dipendenti. Ne è un esempio l’ipotesi d’ Accordo Integrativo aziendale che, due anni fa, non venne condivisa dalla FLAI e finì respinta dai lavoratori. La CGIL e la FLAI di Pomezia auspicano che al peso e all’impegno della loro organizzazione nella RSU faccia riscontro una disponibilità della Fiorucci a stabilire relazioni sindacali costruttive, a partire da un confronto sulle prospettive del Gruppo e dello stabilimento, finalizzato allo sviluppo aziendale e insieme alla salvaguardia dei livelli occupazionali.

 26 novembre 2010