Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Herla. Giovedì incontro in Regione. Cgil, “auspichiamo che l’Assessorato sappia richiamare la Herla alle proprie responsabilità e proporre tutele per i lavoratori” PDF Stampa E-mail

Mentre prosegue presso la sede del call center Herla di via Campobello il presidio delle lavoratrici, l’Assessorato al Lavoro della Regione Lazio ha provveduto, infine, a convocare le parti per il prossimo 28 ottobre, ore 12.30 presso la Regione. La Cgil-Cdlt di Pomezia-Castelli-Colleferro-Subiaco, che nei giorni scorsi ha sollecitato incessantemente la convocazione, ritiene che a questo punto della vertenza occorrano risposte immediate da parte dell’Azienda, non solo in termini di urgente pagamento delle retribuzioni arretrate, ma anche nella individuazione di soluzioni per i dipendenti. Gianni Leonetti della segretaria della Cgil-Cdlt del Comprensorio denuncia “la totale assenza sia dei legali rappresentanti dell’azienda che dei responsabili operativi. È inaccettabile – aggiunge – la condizione di ‘messa in libertà’ dei dipendenti, considerata anche l’operazione di sottrazione delle commesse che è stata effettuata. Per questo l’incontro in Regione assumerà particolare importanza, auspichiamo che l’Assessorato sappia richiamare la Herla  alle proprie responsabilità e proporre, in ogni caso, tutele per i lavoratori, anche attraverso il ricorso ad ammortizzatori sociali”.


 25-10-10