Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Filcams. Lettera aperta al Sindaco di Pomezia su lavoratori appalto manutenzione ordinaria strade PDF Stampa E-mail

Egregio Sindaco,

prendiamo atto che, nonostante i numerosi solleciti inviati alla sua attenzione finalizzati ad un intervento in qualità di Ente Committente, relativo ai problemi causati dai continui ritardi nell’erogazione  da parte della Società Ibisco Appalti ai lavoratori dipendenti ed operanti presso l’appalto di manutenzione delle strade, ad oggi abbia scelto di non prendere posizione in merito . O meglio, scegliendo di non intervenire, in realtà sembrerebbe aver scelto di non voler contribuire a risolvere il problema.

 

 

Abbiamo inviato, come Filcams Cgil,  ben tre comunicazioni a far data dal 15 aprile u.s,. compresa l’ultima del 23 maggio nella quale chiedevamo l’attivazione da parte Vostra di un intervento diretto per il pagamento delle spettanze maturate dai lavoratori, alle quali non avete mai ritenuto di rispondere né tanto meno di attivare alcuna azione per risolvere le problematiche in essere, tant'è che la Società ad oggi continua ad accumulare fortissimi ritardi nei pagamenti e prova ne è che i lavoratori hanno ricevuto il pagamento dello stipendio di aprile in data 9 giugno ben oltre un mese di ritardo quindi, come purtroppo già avvenuto anche per tutti i precedenti stipendi.

Riteniamo assolutamente grave che i lavoratori paghino lo scotto di una inadempienza aziendale che di fatto si sostanzia nel mancato pagamento delle retribuzioni previste dalle vigenti normative, soprattutto se si considera che tali ritardi persistono sin dal momento dell’aggiudicazione da parte della società dell’appalto e che lo stesso prevede un arco temporale di tre anni e che costa ai cittadini ben oltre un milione e mezzo di euro. Altrettanto grave ci appare il silenzio su questa vicenda e sinceramente non comprendiamo perché, pur avendone la possibilità o meglio l’onere, l’Amministrazione decida di far finta di nulla e non ritiene di doversi occupare di un problema che sta creando pesantissimi danni e disagi ai lavoratori impiegati presso il suddetto appalto.

Auspichiamo che nella qualità di primo cittadino di Pomezia, Lei scelga di stare dalla parte dei lavoratori che non stanno chiedendo altro che il rispetto delle normative esistenti e che, loro malgrado, non possono contare sulla regolarità retributiva nonostante garantiscano con il loro lavoro un servizio a tutta la cittadinanza. Ci chiediamo inoltre perché un’azienda che si aggiudica un appalto così importante ed oneroso per questa amministrazione, di fatto non riesca nemmeno a garantire gli stipendi ai suoi dipendenti e che ci costringe nuovamente a chiedere un Suo intervento per far rispettare quanto previsto tra l’altro nel capitolato speciale di appalto al punto 4.7 in materia di applicazioni contrattuali.

Certi che prenderete in debita considerazione quanto sopra,in attesa di un Vostro riscontro, inviamo distinti saluti.

 

Filcams Cgil Roma sud-Pomezia Castelli

Francesca Gentili

Segretaria Generale

 

17-06-2016