Primo piano

Il Centro Meta rischia di chiudere.CdLT "tutelare questo spazio di aggregazione e l'occupazione"

Ci giunge notizia che il Centro di Aggregazione giovanile Meta, attivo da quasi 20 anni  nel territorio del  VII Municipio , nei pressi del Parco della Caffarella ,ha cessato in questi giorni, forse in via ...

Leggi tutto...

CdLT: “Incendio Eco X. Servono risposte e presa di responsabilità da parte delle istituzioni preposte”

Quanto dovremo aspettare ancora? Quando i cittadini di Pomezia potranno vedere finalmente il loro territorio libero dai rischi di contaminazione, di inquinamento, di avvelenamento? L’incendio e il successivo disastro ambientale prodottosi il 5 maggio u.s. ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Nettuno: chiude dopo 30 anni uno dei supermercati storici della città. La Pam chiede un incontro con i sindacati per trovare una soluzione per 15 lavoratori. PDF Stampa E-mail

Chiude uno dei supermercati storici della citta', il  Supermercato PAM  di Via A. De Gasperi, a Nettuno (Rm), dopo circa 30  anni di attività.
Dal 2003 a seguito di cessione di ramo d’azienda, i lavoratori hanno visto il passaggio di tre aziende, con la clausola che gli stessi  sarebbero tornati dipendenti del PAM qualora i gestori avessero riconsegnato il punto vendita.
Ma quest’anno la situazione economica della ditta è peggiorata a causa, non solo delle numerose aperture della concorrenza in zona, ma soprattutto è stata  determinata dal mancato rinnovo dell’affitto dei locali da parte della proprietà alle stesse condizioni in essere. Per questo la stessa PAM ha chiesto un incontro con i Sindacati per discutere del futuro dei suoi 15 lavoratori.

I lavoratori dovrebbero ritornare alle dipendenze dirette della PAM Franchising in una nuova struttura di Nettuno che però darebbe impiego solo a 5. Gli altri 10 invece sarebbero messi in cassa integrazione in attesa di una nuova sede che, non si sa bene quando, dovrebbe sorgere ad Aprilia.
La supermercati Pam all’inizio di febbraio c.a. ha  richiesto un incontro alla R.S.A e alle organizzazioni sindacali provinciali proprio per la probabile gestione di esuberi della filiale Pam di via A. De Gasperi.
Le OO.SS  Filcams CGIL  e Fisascat CISL hanno risposto all’appello, aprendo un tavolo di confronto con l’azienda, al fine di trovare soluzioni utili al mantenimento occupazionale, che prevedano la possibile ricollocazione presso i punti PAM  S.P.A. siti in zona.

Nettuno, 16 febbraio 2010

Filcams CGIL  Pomezia, Il segretario Fiorenza Conte  

Fisascat CISL,  Il segretario  Franco Ciccolini


martedì 16 febbraio 2010